--- In forum-elettrosmog@y..., "club22geo1" ha scritto:
Antenne della telefonia mobile: come difendersi?

Ha ricevuto un'offerta per l'installazione di un impianto sul Suo
condominio?

Si tratta di un'installazione che può portare molti soldi al Suo
condominio, fino a 50.000 Euro all'anno.
Il rovescio della medaglia è però che:

-alcune porzioni comuni potrebbero poi risultare non agibili
-nella vicinanza dell'impianto (es. mansarda) si avranno radiazioni
ad alta frequenza
-lungo tutto il percorso dei cavi di alimentazione si avrà un forte
inquinamento elettrico e magnetico di bassa frequenza
-i cavi di ancoraggio dell'impianto porteranno vibrazioni all'intero
condominio, con pericolo per la sicurezza dello stabile
-le radiazioni emesse dall'antenna si riflettono sugli edifici
circostanti, rientrando poi nel Suo condominio!
-il Suo appartamento subisce un deprezzamento consistente.

Per opporsi all'installazione in sede di assemblea condominiale è
necessario, a seconda delle diverse situazioni, che almeno un terzo
dei condomini si opponga all'installazione. Talora è però sufficiente
anche solo il rifiuto di un unico condomino (Artt. 1102 e 1120 Codice
Civile).

Ha saputo che su un edifico vicino al Suo verrà installata un'antenna?

Oltre che ad informare i condomini o i proprietari dell'edificio in
questione (vedi punto precedente), è necessario coinvolgere e
mobilitare quante più persone possibili (assemblee, diffusione di
materiale informativo).

Informate delle Vostre preoccupazioni anche il Sindaco, l'Ufficiale
Sanitario, l'Agenzia Provinciale all'Ambiente, riservandoVi ulteriori
azioni anche legali.


Esiste già un'antenna nelle Sue vicinanze?

In tal caso è essenziale procedere a raccogliere tutta la
documentazione inerente a tale impianto.

-Di che gestore è l'impianto?
-che caratteristiche ha?
-chiedere per iscritto al proprio Comune la copia del progetto con
tutti gli allegati e concessione edilizia
-verificare se il progetto è in regola
-Calcolare le distanze reali e verificarle con quelle dichiarate.

Si può inoltre valutare un'azione legale, in diverse varianti:

-causa civile per diminuzione del valore del fabbricato
-esposto alla Procura della Repubblica per lesioni personali.

Infine, è bene documentare tutti i possibili elementi di prova,

-chiedendo al proprio medico la prescrizione di analisi di
laboratorio (un elenco degli esami del sangue consigliati è
disponibile presso il CTCU o in Internet). Il costo è di circa 68
Euro.
-tenendo un diario dove si annotano tutti i sintomi avvertiti
(insonnia, nervosismo,...) e i valori di pressione sanguigna
eventualmente rilevati.
-contattando anche i vicini e invitandoli a sottoporsi agli esami di
laboratorio
-preparando un documento che si fa sottoscrivere a tutti gli
interessati.

Informazioni tratte dal sito:

http://www.centroconsumatori.it/47v47d1324.html

CE.DO.CEM
Centro Documentazione Campi Elettro Magnetici