----- Original Message ----- From: <fabio.fimiani@tiscali.it> To: <vasonlus@domeus.it> Sent: Thursday, March 27, 2003 12:13 AM Subject:
[[VAS]] Il ritorno del nucleare italiano (ANSA)
ROMA, 26 MAR - Si' alla possibilita' che l'Enel e le altre aziende elettriche italiane partecipino a progetti di centrali nucleari all'estero e alle norme 'anti-Edf' in due degli emendamenti presentati dal relatore Stefano Saglia (An) al disegno di legge per il riassetto del settore dell'energia in discussione alla Camera. Il provvedimento consentirebbe, dunque, all'Enel di rientrare nella produzione e nello sfruttamento del nucleare, anche se solo all'estero, dopo lo stop del referendum. L'altro emendamento prevede che il ministero delle Attivita' produttive, potra' definire ''condizioni e vincoli'' alle imprese europee che vogliano entrare nel mercato energetico italiano e che appartengono a Paesi che non garantiscano condizioni di reciprocita', come nel caso della francese Edf. Fra gli emendamenti del relatore anche uno in base al quale le imprese che vorranno costruire centrali elettriche dovranno pagare ai comuni nel cui territorio effettueranno i lavori 3 euro per ogni chilowatt di potenza nominale installata. (segue) CLR