Nestlè: VERGOGNATEVI


ABOUT Nestlè

Questo Natale avete mangiato il panettone Motta? Bevuto l'acqua San
Pellegrino? Scartato i Baci Perugina? Sappiate che la Nestlé, titolare dei
marchi citati, ha richiesto all'Etiopia, il paese più povero del mondo, 6
milioni di dollari. Si tratta di un indennizzo per l'esproprio, avvenuto 30
anni fa, di un'azienda tedesca diventata proprietà della Nestlè, proprio
come Motta e Perugina in Italia. Sarebbero tra gli 11 e i 15 milioni gli
etiopi che rischiano di morire di fame nei prossimi mesi e la Nestlé, che è
la multinazionale leader del settore alimentare, chiede i 'suoi' soldi.
Dopo le proteste dei consumatori di mezzo mondo il credito è stato ridotto a
1,5 milioni di dollari, ma non può bastare. Il giornale mensile "Tra terra e
cielo" e la newsletter "L'appuntalapis" hanno lanciato la campagna
'Nestlè:
cancella il debito dell'Etiopia', chiedendo di inviare una e-mail alla
Nestlè all'indirizzo:
ufficiostampa@it.nestIe.com


firme:

Micòl Camici - Buti (Pisa)

Mailing list Consumo Critico dell'associazione PeaceLink.
Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://www.peacelink.it/mailing_admin.html