Ancora una "svista" (?) di Rifondazione Comunista al Quartiere Reno......
Pur di non dispiacere i colleghi dell'Ulivo, Rifondazione Comunista
"scivola" e si astiene su un ordine del giorno proposto dal consigliere
della LISTA RENO che " per una reale politica di sostegno all'edilizia
residenziale pubblica " chiedeva al Governo Centrale ( unico punto pure da
loro condiviso ): piu' fondi per la casa; Alla Regione Emilia Romagna : di
rivedere tutta la legge N░ 24 ( legge Regionale del 2001 detta anche legge
Rivola voluta anche da Rif Comunista ) ; al Comune di Bologna: di abolire l'
ICI sulla prima casa in quanto riteniamo questa un diritto e che tale non
deve essere tassato,che il canone per l'affitto non debba superare un sesto
di uno stipendio e debba essere immediatamente rivisto in presenza di
inquilini in cassa integrazione o che hanno perduto il posto di lavoro , ai
precari, ai lavoratori part time.
Pensare che gli abbiamo dato appoggio per indire un Cosiglio Aperto, dove
anche i cittadini hanno avuto la possibilitÓ di intervenire. Di fatto, in
seduta di votazione ( il 2 u. s. ), hanno approvato un ordine del giorno
dell'Ulivo che non contemplava quanto da noi proposto.
Ci˛ perchŔ abbiamo criticato il decreto D'Alema ( n░ 112 del 31 marzo del
'98 con il quale si sono gettati nelle casse INPS 28000 miliardi di lire, e
ha trasferito la competenza sulla casa alle Regioni senza il benchŔ minimo
finanziamento ) e la Legge Regionale, come dicevamo prima, voluta dai DS
plaudita da Rif. Comunista e dai vari sindacati CGIL,CISL e UIL con anche
SUNIA, UNICET e UNIAT, osteggiata solo da AS.I.A. (associazione inquilini e
assegnatari R.d.B. ), che oggi strillano contro gli aumenti esorbitanti
prodotti da questa. Altro che difesa dello Stato Sociale, anche Rif.
Comunista si Ŕ allineata per lo smantellamento di questo.

per la Lista Reno per il rilancio dello stato sociale

Domenico Maracino
per info 3332850522
051 503180. Via Cuccoli 1/c Bologna