Direttiva CE 2003/4


A proposito della recentissima Dir. CE 2003/4 del 28. 1. 2003, relativa
all'accesso del pubblico all'informazione ambientale. La direttiva è assai
importante, specialmente sul punto (art. 3) in cui obbliga gli stati membri
a rendere disponibile l'informazione ambientale "a chiunque ne faccia
richiesta senza che il richiedente debba dichiarare il proprio interesse",
dove innova profondamente riguardo alla 241/90. La direttiva entra in vigore
(art. 12) il giorno della pubblicazione sulla G. U. della C.E. (14 febbraio
2003). Il termine concesso agli stati membri per mettere in vigore "le
disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative necessarie per
conformarsi alla presente direttiva" è fissato (art. 10) al 14 febbraio
2005, cioè in due anni.

La domanda è: la direttiva va intesa come "self executing" (al pari dei
regolamenti, cf. p. es. Cons. St. sez. VI, 24. I. 89, n. 30) o, in termini
concreti, sin da adesso chiunque (quisque de populo) pur avvalersene
rivolgendosi a un ufficio ed esigendone l'applicazione immediata, ovvero la
sua operatività immediata riguarda solo le autorità nazionali, nel senso
che, nelle more del recepimento di cui all'art. 10, non possono legiferare
in senso contrario etc.?

---------- FORUM ELETTROSMOG NAZIONALE INDIPENDENTE ------------------