Invio la deliberazione approvata ieri in Consiglio comunale a Pisa sulla
sospensione delle autorizzazioni già date alla installazione di 20 antenne.

Beatrice Bardelli.
---------------------------

Oggetto: Sospensione autorizzazione impianti per telefonia mobile.


Il Consiglio Comunale


-       Premesso che il Sindaco del Comune di Pisa, in data 21/08/&2003, ha
emesso ordinanza di sospensione del rilascio delle autorizzazioni alla
installazione delle stazioni radio base per la telefonia cellulare fino al
30/11/2003;

-       Visto che, successivamente, lo stesso Sindaco ha voluto puntualizzare, in
data 9/09/2003 che possono, tuttavia, essere installate soltanto quelle
antenne per le quali al 21/08/2003 siano già stati acquisiti tutti i pareri
previsti (ARPAT, ASL e Ufficio Territorio e, quando necessario,
Soprintendenza) e per le quali esista una specifica autorizzazione al SUAP;

-       Considerato che il SUAP, alla data del 21/08/2003 ha rilasciato venti
autorizzazioni per l'installazione di altrettante antenne di telefonia
mobile;

-       Considerato altresì che lo stesso SUAP, recependo correttamente le
richieste espresse nella suddetta ordinanza sindacale di sospensione
dell'installazione delle antenne fino al 30/11/2003, ha inviato ai gestori
di telefonia mobile due lettere datate rispettivamente 8 e 10 settembre
2003 in cui si richiedeva di inviare la documentazione comprovante
l'individuazione e la puntuale localizzazione degli interventi definiti
“strategici” ai sensi e agli effetti dell'art. 1, comma 1, della legge
443/2001;

-       Considerato quindi che, alla luce di quanto sopra esposto, le venti
autorizzazioni rilasciate dal SUAP risultano incomplete in quanto devono
essere ancora integrate on i dati che lo stesso SUAP ha richiesto ai
gestori nelle missive dell'8 e 10 settembre 2003 di cui sopra;

-       Visto che le autorizzazioni sono atti amministrativi che si fondano
sull'analisi e sulla valutazione di tutti i documenti relativi, in questo
caso, alla richiesta di installazione delle antenne da parte dei gestori;

-       Visto il parere non favorevole espresso dal responsabile del SUAP e il
parere favorevole espresso dal dirigente del servizio risorse finanziarie;

-       Ritenuto comunque di adottare l'atto in oggetto per le motivazioni di
seguito riportate:

a)      visto l'art. 1 D.lgs. 198/2002 che recita: “Il presente decreto
legislativo detta principi fondamentali in materia di installazione e
modifica delle categorie di infrastrutture di telecomunicazioni,
considerate strategiche ai sensi dell'art. 1, comma 1, della legge 21
dicembre 2001…”;
visto l'art. 1, legge 443/2001 che recita: “il Governo….individua le
infrastrutture pubbliche e private e gli insediamenti produttivi strategici
e di preminente interesse nazionale….In sede di prima applicazione della
presente legge il programma è approvato dal CIPE entro il 31 dicembre
2001”;
        - e che tale succitata individuazione da parte del CIPE non è, ad oggi,
avvenuta;

b)      visto l'art. 3, comma 1, lett. e) 4) del T.U. in materia edilizia n. 380
del 2001 entrate in vigore il 01/07/2003 che ribadisce l'obbligatorietà
della concessione edilizia per l'installazione di ripetitori per i servizi
di telecomunicazioni, sottintendendo in questo modo il potere regolamentare
in materia di pianificazione urbanistica in capo al consiglio comunale;

c)      è compito del consiglio comunale approvare il regolamento comunale in
merito agli impianti di telecomunicazioni che preveda adeguate scelte
pianificatorie al fine di garantire un corretto insediamento
urbanistico-territoriale degli impianti e la minimizzazione
dell'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici.

DELIBERA
- di sospendere fino al 30 novembre 2003, per le motivazioni di cui in
premessa, le venti autorizzazioni rilasciate dal SUAP antecedentemente al
21 agosto 2003 per acquisire la documentazione attualmente mancante per
ogni singola antenna già autorizzata ed espletare, per ogni impianto, tutte
le verifiche necessarie, dando mandato al Dirigente responsabile del SUAP
di porre in essere tutti i provvedimenti necessari e conseguenti.


La presente proposta di deliberazione viene posta in votazione e approvata
a maggioranza dei votanti, con voti espressi nelle forme di legge e
controllati dagli scrutatori. Il risultato della votazione è il seguente:
Presenti                36
Astenuti                   1 (Scarpellini)
Votanti         35
Favorevoli              30
Contrari                  5 (Luperini,Garzella,Buscemi,Biasci,Tramontana)


La presente deliberazione viene quindi dichiarata immediatamente eseguibile
in esito alla seguente votazione:
Presenti e votanti      36
Favorevoli              31
Contrari                  5 (Luperini,Garzella,Buscemi,Biasci,Tramontana)