Corte Costituzionale: la Regione non puo' localizzare i siti di
radiodiffusione

Milano, 4 novembre 2003
Le Giunte regionali non possono disciplinare mediante regolamento la
localizzazione dei siti degli impianti di radiodiffusione. Cosi' si e'
espressa la Corte Costituzionale, che con la sentenza 29 ottobre 2003, n.
324 ha dichiarato percio' illegittima la legge della Regione Campania 1
luglio 2002, n. 9, recante "Norme in materia di comunicazione e di
emittenza radiotelevisiva ed istituzione del Comitato Regionale per le
comunicazioni - CO.RE.COM.", nella parte in cui stabilisce che la Giunta
regionale, in mancanza di un "atto legislativo" del Consiglio regionale e
fino alla approvazione di "una legge organica sul sistema integrato della
comunicazione in Campania", disciplini con regolamento "la localizzazione
e l'attribuzione dei siti di trasmissione delle reti pubbliche per
l'emittenza radiotelevisiva e per le telecomunicazioni e gli strumenti di
sostegno eventualmente necessari".
(Alessandro Radrizzani)

Per approfondimenti e' possibile consultare nello spazio ALTRI TEMI -
Elettrosmog:
http://www.reteambiente.it/ra/gtemi/hpgtemi.htm
in Commenti e sintesi
"La legge regionale deve delimitare il potere della Regione di regolare
la materia delle comunicazioni";
in Normativa vigente
"Dl 23 gennaio 2001, n. 5 (differimento dei termini in materia di
trasmissioni radiotelevisive - risanamento di impianti radiotelevisivi -
Testo vigente)";
"Legge 22 febbraio 2001, n. 36 (legge quadro sulla protezione dalle
esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici)";
in Documentazione complementare
"Sentenza Corte Costituzionale 29 ottobre 2003, n. 324 (Possibilita' di
localizzare i siti di radiodiffusione - competenze della Giunta regionale
- non rientra)"

nello spazio ALTRI TEMI - Istituzioni:
http://www.reteambiente.it/ra/gtemi/hpgtemi.htm
in Normativa vigente
"Costituzione della Repubblica italiana (Titolo V - Regioni, Provincie e
Comuni - Testo vigente)".
-----------
Ho ricevuto questa informazione da un amico. Saluti, Sybille (Prov. BZ)
"Sybille Tezzele Kramer" <sybille@kramer.it>