http://webmail.katamail.com/cgi-bin/wm/showattach/UMTS.MARINELLI.htm?id=A0Unnj00N4aYHLpUxmtd&block=1.4&file=UMTS.MARINELLI.htm&lang=it_IT

GLI UMTS DALLA TERZA GENERAZIONE UNA MINACCIA PER IL DNA?
Umts. La sigla sta per "Universal mobile telephone system". Si chiama così la terza generazione di servizi telefonici mobili. La prima era, infatti, rappresentata dalla rete analogica e la seconda dalla rete Gsm, ancora attuale, in pra tica quella dei telefonini abitualmente utilizzati. La tecnologia Umts segna l' inizio della fine per le telecomunicazioni fisse: il telefono diventa uno strumento versatilissimo, capace d' inviare e ricevere fax ed e-mail in movimento, di accedere a Internet e di scaricare o trasmettere pacchetti di dati senza più bisogno di un terminale fisso. Ma con la salute come la mettiamo? Sulla nostra pelle questo cellulare superintelligente comporta qualche rischio? «Il sistema Umts lavora con radiofrequenze di 2450 MHz» spiega il dottor Fiorenzo Marinelli. «Nel 1997 uno studio americano firmato dal dottor Henry Lay ha dimostrato che questa particolare frequenza è in grado di "rompere" i filamenti del Dna, di alterare insomma la struttura della molecola chiave degli esseri viventi. E' un' osservazione sperimentale che va tenuta nella giusta considerazione». Dovrebbe perciò essere approfondita con ulteriori indagini. «Già. Peccato che i fondi per la ricerca siano sempre di meno» aggiunge il ricercatore del CNR «e che non sappiamo ancora quale fine abbiano fatto i 246 miliardi delle vecchie lire stanziati nella vendita delle licenze Umts per studiare gli effetti delle emissioni elettromagnetiche».

Fonte: Corriere Salute del 3 novembre
UMTS: è guerra in Svezia per gli effetti sulla salute
(Reuters) Il consiglio dell’Unione nazionale svedese degli affittuari non accetta la costruzione delle antenne per la telefonia mobile di terza generazione sulle case, e ora minaccia di fare dell’UMTS una rete ancora più costosa e meno efficiente. L’Unione, che raggruppa il 45 per cento degli affittuari di tutta la Svezia, ha fatto sapere si opporrà a questa tecnologia, finché non saranno chiariti gli effetti sulla salute. “Allo stato attuale, la scienza non ha chiarito abbastanza se le antenne per l’UMTS possano influire sulla salute umana. Fino a quando non si avrà chiarezza, vedremo di non far costruire antenne sulle case o nelle loro vicinanze”, ha detto il portavoce dell’Unione, Peder Palmstierna, a Reuters.

14/1/2002
Fonte: http://it.gsmbox.com/news/flashnews/all/73637.gsmbox