Roma, 1 settembre 2005.

Alleghiamo l'Abstract di un art. scientifico pubblicato su "Review of
Environmental Health", Aprile-Giugno 2005, n. 20, Vol. 2, pag. 151-
61.

Viene dimostrato che operatori di stazioni di radiodiffusione e di
stazioni TV che lavorano su turni di lavoro estesi e sottoposti alle
relative radiazioni elettromagnetiche presentano
un significativo incremento degli ormoni dello stress
che Ŕ funzione del livello di esposizione subita.

Mentre la tipica secrezione diurna della melatonina non viene
influenzata.

Sono stati analizzati 36 operatori: 12 di stazioni di
radiodiffusione, 12 di stazioni TV e 12 di stazioni satellitari.

Questi ultimi, per i bassissimi valori di campo esistenti, sono stati
presi come gruppo di controllo.

I livelli di campo e. m. cui erano sottoposti i due primi gruppi di
operatori erano i seguenti (tasformando le densitÓ di potenza in
valori efficaci dell'intensitÓ del campo elettrico):

- stazioni di radiodiffusione:

valore medio (media temporale pesata): 3.4 V/m;
valore massimo: 22.7 V/m;

- stazioni TV:

valore medio (media temporale pesata): 2.7 V/m;
valore massimo: 4.4 V/m.

Aggiungiamo che questi valori di esposizione alla radiofrequenza
vanno confrontati con i valori di campo elettrico definiti
dall'ICNIRP che non devono essere superati per non incorrere negli
effetti termici.

In particolare:

- fra 3KHz e 10 MHz: da 87 V/m a 27.5 V/m;

- fra 10 MHz e 2 GHz: da 28 V/m a 61.5 V/m;

- fra 2 GHz e 300 GHz: 61 V/m.

In altre parole, una nuova prova dell'inadeguatezza dei valori ICNIRP
a proteggere l'uomo da effetti diversi da quelli termici.

Saluti.

Coordinamento dei Comitati di Roma Nord.
----------------

"Variations of melatonin and stress hormones under extended shifts
and radiofrequency electromagnetic radiation.", Vangelova KK, Israel
MS.

Department of Physiology, Psychology and Ergonomics, National Center
of Public Health Protection, Sofia, Bulgaria. katiavangelova@yahoo.com

We studied the time-of-day variations in urinary levels of 6-
sulphatoxy-melatonin and three stress hormones in operators working
fast-rotating extended shifts under radiofrequency electromagnetic
radiation (EMR). The excretion rate of the hormones was monitored by
radioimmunoassay and spectrofluorimetry at 4-hour intervals in a
group of 36 male operators comprising 12 broadcasting station
operators, 12 TV station operators, and a control group of 12
satellite station operators. Measuring the time-weighted average
(TWA) of EMR exposure revealed a high-level of exposure in
broadcasting station operators (TWAmean== 3.10 microW/ cm2, TWAmax ==
137.00 microW/cm2), a low-level in TV station operators (TWAmean ==
1.89 microW/cm2, TWAmax == 5.24 microW/cm2), and a very low level in
satellite station operators. The differences among the groups
remained the same after confounding factors were taken into account.
Radiofrequency EMR had no effect on the typical diurnal pattern of 6-
sulphatoxymelatonin. High-level radiofrequency EMR exposure
significantly increased the excretion rates of cortisol (p < 0.001),
adrenaline (p == 0.028), and noradrenaline (p < 0.000), whereas
changes under low-level exposure did not reach significance. The 24-
hour excretion of cortisol and noradrenaline correlated with TWAmean
and TWAmax. In conclusion, the excretion of 6-sulphatoxymelatonin
retained a typical diurnal pattern under fast-rotating extended
shifts and radiofrequency EMR, but showed an exposure-effect relation
with stress hormones.

PMID: 16121836 [PubMed - in process]


---------- FORUM ELETTROSMOG NAZIONALE INDIPENDENTE -