Immediate Release- September 19, 2006

Elizabeth Kelly, ICEMS Management Secretariat

info@icems.eu

 

                                 Scienziati esortano alla massima precauzione e Ricerca Indipendente,

                                             a Proteggere la Salute dall'Esposizione ai Campi elettromagnetici

 

 

Un gruppo di scienziati sta incitando la gente a prendere sensibili precauzioni contro i potenziali rischi della salute legati all'esposizione  ai campi elettromagnetici.

Loro chiedono anche una revisione indipendente dell'evidenza scientifica  che punta a mettere a rischio dalle attuali condizioni di esposizione ai CEM del mondo intero, e per un programma di indagine indipendente,pubblicamente gestito, su aspetti critici di salute e sicurezza. Ad un incontro tenutosi a Benevento, in Italia a febbraio 2006, questi scienziati hanno riesaminato la attuale evidenza scientifica  degli effetti  potenziali sulla salute relativi all'esposizione ai CEM a bassissima frequenza e radiofrequenza nello spettro da 0 a 300 GHz.

 

Le energie di queste frequenze, chiamate non ionizzanti, sono utilizzate nella trasmissione elettrica, distribuzione ed uso elettrico dal pubblico, nelle trasmissioni radio e televisione, dei cellulari, nell'accesso wireless ad internet e altro.

 

Questi scienziati credono che l'esposizione anche a campi deboli emessi da queste tecnologie possono avere effetti sui sistemi biologici.

 

Dopo diversi mesi di dibattito, 31 scienziati hanno appena firmato una dichiarazione congiunta, chiamata "Risoluzione di Benevento", per avvisare il pubblico e la comunità scientifica della loro forte convinzione che vi sono effetti avversi nelle attuali condizioni di esposizione ai CEM.  

 

Essi esortano dunque ad un uso più prudente di tutti i prodotti e i servizi che emettono campi elettromagnetici.  

Raccomandano soprattutto che bambini e adolescenti vengano istruiti ad un uso limitato dei cellulari e cordless e che vengano vietate campagne pubblicitarie ad essi rivolte.

 

Il dr. Sandro D'Alessandro, medico e sindaco di Benevento dal 2001 al 2006, allorquando la città di Benevento finanziò l'incontro di febbraio 2006, dice la protesta pubblica contro due linee di alta tensione che attraversano il paese, in contrada San Vitale, ha condotto alla loro rimozione. Come medico e come sindaco di Benevento, condivido l'interesse pubblico alla sicurezza elettromagnetica. Abbiamo sponsorizzato questa serie di incontri in risposta all'interesse pubblico per sapere di più dalla scienza circa l'elettromagnetismo.

 

La 3 giorni di convegno, denominata " Approccio precauzionale ai CEM : Razionale, Legislazione e Attuazione", è iniziata il 22 febbraio 2006.

L'organizzatore è stato la Commissione Internazionale per la Sicurezza Elettromagnetica (ICEMS), che ha invitato partecipanti da 12 paesi diversi: Brasile, Canada, Cina, Israele, Italia, Polonia, Russia, Svezia, Taiwan, Turchia, Gran Bretagna e Stati Uniti.

 

La risoluzione di Benevento del 2006 conferma la risoluzione di Catania , adottata nel 2002, che ha portato a una uguale    posizione scientifica.

Queste risoluzioni applicano il principio precauzionale (1) per incoraggiare misure più protettive per l'incolumità da impiegare nei progetti e creazioni standardizzate per   tutte le tecnologie che emettono CEM, valutando condizioni di salute alle attuali esposizioni ai CEM per il grande pubblico e i lavoratori.

 

Il prof. Livio Giuliani, portavoce dell' ICEMS, che dirige i programmi di ricerca per l' "Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro" (ISPELS), il lavoratore per la sicurezza e il programma di protezione del Ministero della Salute italiano, dice "perché porta così lungo l'indirizzo verso questi interessi? La controversia scientifica sui CEM e quest' incontro forniscono ragioni nuove per raggiungere un accordo sulla garanzia di salute pubblica e la protezione della incolumità del lavoratore. Le critiche di alcuni scienziati che ignorano le scoperte epidemiologiche sono effettivamente contestate, come nuovi risultati sperimentali sono stati presentati che indicano meccanismi di biointerazione non termica del campo elettromagnetico.

La Commissione Internazionale sulla Sicurezza Elettromagnetica, è un gruppo di scienziati interessati  senza scopo di lucro.La Risoluzione di Benevento può essere visitata on-line a www.icems.eu

 

(1)  "Il Principio di Precauzione dice " quando vi è incertezza riguardo a possibili effetti sfavorevoli di una esposizione , i rischi di inazione possono essere molto più gravi dei rischi di azioni di controllo di queste esposizioni, e l'onere della prova è trasferito da quelli che sospettano il rischio a quelli che lo negano."

 

                               IMMEDIATE RELEASE – September 19, 2006 Elizabeth Kelley, ICEMS Management Secretariat info@icems.eu          Scientists Urge Greater Precaution and Independent Research, to Protect Health  from Exposure to Electromagnetic Fields   A group of scientists are urging people to take sensible precautions against potential health risks related to exposure to electromagnetic fields (EMF).  They also call for a full and independent review of the scientific evidence that points to hazards from current EMF exposure conditions world-wide, and for an independent, publicly managed research program to investigate critical issues of health and safety.  At a meeting held in Benevento, Italy in last February, 2006, these scientists reviewed current scientific evidence on potential health effects related to EMF exposure in the extremely-low frequency (ELF) and radiofrequency (RF) band of the electromagnetic spectrum (0-300GHz). Energies of these frequencies, called non-ionizing, are used in electrical transmission, distribution and electrical use by the public, by radio and television broadcasts, cellular transmissions, wireless internet access and more. These scientists believe that exposure to even the weak fields emitted by these technologies can affect biological systems.  After several months of debate, thirty-one scientists, just signed a consensus statement, called the “Benevento Resolution” to advise the public and the scientific community of their strong belief that there are adverse health effects from current EMF exposure conditions. They urge more prudent use of all EMF-emitting products and services. They specifically advise children and young teenagers be guided to limit use of cellular and cordless phones and that marketing campaigns to them should be banned.      Dr. Sandro D'Allessandro, a physician and Mayor of Benevento from 2001-2006, at the time the City of Benevento sponsored the February 2006 meeting, states, “Public opposition to two high power transmission lines that went through a nearby village, Contrada San Vitale, led to their removal.  As a physician, and as the mayor of Benevento, I share public concern about electromagnetic safety. We sponsored this workshop in response to public interest in knowing more about the science on bioelectromagnetics.”  The 3-day workshop, entitled, "Precautionary EMF Approach: Rationale, Legislation and Implementation", began on February 22, 2006. The organizer was the International Commission for Electromagnetic Safety (ICEMS), who invited participants from 12 different countries – Brazil, Canada, China, Israel, Italy, Poland, Russia, Sweden, Taiwan, Turkey, United Kingdom and the United States.  The Benevento Resolution of 2006 affirms the Catania Resolution, adopted in 2002, that conveyed a similar scientific position. These resolutions apply the Precautionary Principle1 to encourage more protective safety measures be employed in the design, manufacture, and standard-setting process for all EMF emitting technologies, calling for health assessments of current EMF exposure conditions for the general public and for workers.        Prof. Livio Guiliani, ICEMS Spokesman, who directs research programs for the "Instituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro" (ISPESL), the Italian Health Ministry’s worker safety and protection program, stated, “why is it taking so long to get these concerns addressed?  Scientific controversy about EMF and this meeting provide new reasons to reach an agreement on increased public health and worker safety protection. The criticisms of some scientists who ignore the epidemiological findings are effectively challenged as new experimental results were presented that indicate mechanisms of electromagnetic field non-thermal bio-interaction.”                                                                                                                                                                                                            The International Commission on Electromagnetic Safety, is a not-for- profit group of concerned scientists.                                                                     The Benevento Resolution may be viewed online at www.icems.eu                                                 1 The Precautionary Principle states “when there is uncertainty concerning possible adverse effects from an exposure, the risks from inaction may be much greater than the risks of action to control these exposures, and the burden of proof is shifted from those suspecting the risk to those who deny it.”

__._,_.___

CE.DO.CEM
Centro Documentazione Campi Elettro Magnetici

INFORMAZIONI ed INIZIATIVE sull'Inquinamento Elettromagnetico