Da il Resto del Carlino del 24 ottobre 2002
In una ricerca sui campi elettromagnetici appena pubblicata
CELLULARI, L'ALLARME DEL BOLOGNESE MARINELLI (CNR):
"Le onde rendono più aggressivi i tumori"

"Le onde radio emesse dai cellulari rendono più aggressive le cellule
tumorali stimolandole a moltiplicarsi". L'allarme è lanciato da
Fiorenzo Marinelli del CNR di Bologna, che ha eseguito uno studio su
cellule in provetta, i cui risultati sono stati presentati al workshop
internazionale sugli effetti biologici dei campi elettromagnetici e
pubblicati su New Scientist. Lo scienziato ha sottoposto cellule
leucemiche a onde radio con una frequenza di 900 megaHertz e una
potenza di 1 milliwatt; le onde emesse dai telefonini hanno la stessa
frequenza e una potenza media di 2 milliwatt, per quanto il regolamento
europeo preveda che la massima potenza ammessa sia appena un terzo di
questo valore.
Marinelli ha osservato che dopo 24 ore di esposizione continua le
cellule leucemiche vanno incontro a morte programmata con una frequenza
molto più alta delle cellule di controllo non esposte: in media il 20
per cento in più delle cellule, rispetto a quelle di controllo, muore.
Ma il dato più rilevante è che, dopo 48 ore di esposizione, sono
attivati sia un meccanismo di sopravvivenza cellulare sia tre geni che
stimolano enormemente la moltiplicazione delle cellule sopravvissute.
Nel giro di poco tempo, dunque, il tumore diventa molto più aggressivo.
"Noi non sappiamo quali siano gli effetti delle onde radio sulle
cellule umane sane - commenta Marinelli - ma nelle cellule leucemiche
la risposta è sempre la stessa". Lo scienziato ipotizza che l'effetto
iniziale delle radiazioni sia di danneggiare il DNA,....

Interessante la nota tralasciata dal Resto del Carlino ed inserita in
un analogo articolo da Il Domani del 24 ottobre 2002,che aggiunge:
.....attaccandone i meccanismi di riparazione. Se il DNA non viene
riparato come dovrebbe, le rotture o gli errori a suo carico si
accumulano con conseguente disastrose per l'organismo. E le cellule con
danni non riparati possono diventare "con elevata plausibilità"
cancerose.
----------------------------------------------------------------------------
----------------
29-11-02 - Alla Festa del "VIVER BENE" al Parco Nord di Bologna, ore 20,30,
presso la Sala Blu si terrà l'iniziativa "La schizofrenia cellulare" con il
biologo Fiorenzo Marinelli del CNR di Bologna. All'organizzazione ha
contribuito anche "Alberi non antenne".

Ok il cellulare.Ecco un esempio di "stile di vita" che ha travolto le
abitudini di noi tutti ...
Non voglio sollevare inutili e preistorici sensi di colpa .....scuse
per non affrontare il vero problema.
Questo dimostra semplicemente che è vero quello in cui credo:
non scarichiamo tutto sugli stili di vita del cittadino, ad ognuno va
data la sua responsabilità. Rimane e continua ad esistere quella
dell'economia che decide in nome di un liberismo sfrenato (basterebbe
qualche piccola regola, dei limiti minimali per non trovarsi sommersi).
Rimane ed è doveroso continuare a sollecitare l'impegno della politica
a contribuire, ad ascoltare finalmente quello che parte dal basso,
dalla gente.
Ciao .... mi raccomando lettete e questa volta venite..... Angela

CELLULARE ....ATTENZIONE A COME USARLO!!!!
Non mancare!!!
Partecipa all'iniziativa in cui verranno presentati gli effetti
biologici provocati dall'eccessivo utilizzo del cellulare.
In calce puoi trovare l'articolo del Resto del Carlino che riporta una
chiara sintesi.

CELLULARE ....
TI INTERESSA SAPERNE DI PIU' ???
Ti interessa sapere qualcosa sugli effetti biologici e sanitari dovuti
all'eccessivo uso del cellulare?
Ti interessa capire come utilizzare il cellulare per salvaguardare
anche la tua salute?

Partecipa alla Festa del "VIVER BENE"

al Parco Nord di Bologna il 29-11-02 ore 20,30 presso la Sala Blu
si terrà l'iniziativa "La schizofrenia cellulare"

organizzata dal Centro Studi Ting Spazzavento
in collaborazione con le Associazioni Alberi non antenne, Autotutela
della Salute, Comitato cittadini indipendenti
Ospite Fiorenzo Marinelli biologo e ricercatore del CNR che presenta
alcuni studi specifici sull'argomento